Vi è mai capitato di essere in farmacia pronti all’acquisto dell’ennesimo farmaco o prodotto per il vostro animale e chiedervi “ma non c’è nulla di naturale che possa aiutare il mio pelosetto?”
…Insomma, tutti sappiamo che i farmaci sono efficaci e spesso necessari per il trattamento delle malattie, tuttavia sappiamo anche che il loro uso prolungato può creare degli effetti collaterali.

Spinta da questa domanda ho iniziato a fare delle ricerche che mi hanno portato ad approfo­­ndire la conoscenza della “pianta dei miracoli” secondo gli antichi popoli o della “pianta dell’immortalità” secondo gli antichi Egizi, ovvero l’Aloe Vera.

L’Aloe Vera, conosciuta anche come Aloe barbadensis Miller, è la regina delle piante fitoterapiche per le sue innumerevoli proprietà benefiche e curative, sia nell’uomo che nell’animale. Le sue foglie, dall’aspetto carnoso, presentano una spessa cuticola esterna, chiamata buccia, e una polpa trasparente e gelatinosa centrale chiamata gel.

Il gel di Aloe Vera è costituito per il 96-97% del suo peso da acqua e nella restante parte sono contenuti i principi attivi con importanti funzioni farmacologiche e nutrizionali, di cui i più importanti sono:

  • Polisaccardi ad alto peso molecolare come l’acemannano e il glucomannano, che svolgono un’azione immunomodulante e favoriscono la rigenerazione cellulare (cicatrizzazione);
  • Monosaccaridi, come mannosio e glucosio;
  • Aminoacidi, di cui 7 essenziali e 11 non essenziali;
  • Minerali, come il Calcio, Fosforo, Sodio, Ferro, Potassio, Cromo, Magnesio, Zinco, Manganese, Rame, Selenio e Germanio;
  • Vitamine, come le vitamine A, C, E e le vitamine del gruppo B;
  • Saponine, con attività depurative, detergenti e antisettiche;
  • Enzimi, di cui alcuni aiutano la digestione di grassi e proteine, rendendo più efficiente l’assorbimento dei nutrienti, altri agiscono come mediatori dell’infiammazione e hanno analgesica;
  • Acido Salicilico, il principio attivo presente nella comune Aspirina in commercio con note che capacità antipiretiche e analgesiche;
  • Steroidi vegetali, come colesterolo, lupeolo e campesterolo, con azione antinfiammatoria;
  • Acidi grassi, che hanno azione antiossidante, lenitiva e emolliente.

Il gel di Aloe Vera, quindi, grazie alla presenza di questi principi attivi possiede numerosi campi d’azione.

Ad esempio, grazie all’azione immunomodulante dei polisaccaridi, può essere utilizzato per supportare le terapie antibiotiche, per modulare la risposta dei sistema immunitario nei confronti di allergeni o agenti infettivi, pertanto può essere utilizzato in caso di allergie, malattie autoimmuni o situazioni di ipersensibilità. Grazie all’azione antinfiammatoria dovuta alla presenza degli steroidi vegetali, il gel di Aloe Vera trova un ampio utilizzo nei problemi osteoarticolari, come artrite, displasia dell’anca e del gomito, nel trattamento di reumatismi di origine autoimmune e dei dolori articolari, ma anche in caso di infiammazioni del cavo orale (ad es. gengiviti) o dell’orecchio (ad es. otiti). Questo gel svolge un’azione simile a quella esercitata dai farmaci di sintesi a base steroidea (cortisonici e corticosteroidi) ma senza la presenza degli effetti collaterali tossici delle molecole chimiche in questione.

Comments are closed.